Riflessioni.....


Sono una persona abitudinaria, non mi sono mai piaciuti molto i cambiamenti, ne soffro sempre un po'. Succede per qualsiasi cambiamento, dal più banale al più importante.

L'unico cambiamento di cui non soffrirei sarebbe forse la vincita al superenalotto, di certo avrei altro a cui pensare, anche se a dire il vero pur essendo un cambiamento di quelli che ti sollevano da tanti pensieri, non potrei fare a meno di avere un po' nostalgia per quelle cose che non potrei avere più, cose non materiali che i soldi non possono sostituire. Certo sarebbe un pensiero fugace e moooolto breve però chissà.......magari sarei meno felice di ora....mah......bè facciamo così: prima vinco il superenalotto eppoi vi so dire ok???
Okkey sto divagando, ora basta perchè non è di questo che voglio parlare oggi.

Questa mia abitudinarietà si esprime al meglio con la strada che faccio per andare al lavoro e ritorno, ormai ho le mie strade e stradine, ho scelto tempo fa una strada e da allora metto il pilota automatico e vado. Si si.....perchè davvero ci sono certi giorni che arrivo ad un certo punto del percorso e mi chiedo “come ho fatto ad arrivare fin qua? Ma il semaforo l'ho passato? Ma l'ho trovato rosso o verde?”. Si sto svalvolando ma siccome in macchina mi piace molto pensare facendo la stessa medesima strada tutti i giorni riesco ad andare in automatico e molte volte dedicarmi ai miei pensieri. E' l'unico momento vero e proprio in cui riesco a stare in santa pace e pensare perchè poi la vita ti risucchia ed arrivo a sera che non ho raccolto neanche un pensiero. Certo quando crocetto ho modo di pensare, specie se alla tivvù c'è la partita ed il Felino non mi interroga ogni due per tre per le sue cose, però diciamo che un momento tutto tutto tutto da sola ce l'ho solo nel tragitto casa-lavoro.

Così non sto lì tanto a guardarmi intorno, ad osservare il paesaggio diciamo.
Poi capitano giornate come queste, dove hai paura di trovare il passaggio a livello chiuso perchè sei sul filo dell'orario, ed allora torni alla strada che facevi tempo fa e che da tanto non percorri. Capita di vedere una scritta sull'asfalto davanti ad una casa “Giorgio pensaci bene” e capire che qualcuno si è sposato ed ha cominciato un nuovo percorso. Capita di vedere un bel fioccone rosa e scoprire che è arrivata una nuova vita, capita di trovare un cartello “lavori in corso” e (purtroppo) scoprire che stanno costruendo l'ennesimo palazzone dove prima c'era un bel prato verde.

Il mondo insomma è continuo movimento, cambia sempre, io mi rendo conto che a volte mi fossilizzo e mi chiedo se mi sto perdendo qualcosa, che cosa sia questo qualcosa non mi è dato di saperlo e pertanto forse non mi può dispiacere come dovrebbe....chi lo sa....

Il discorso lo potrei ampliare all'infinito (non preoccupatevi non vi tedierò ancora per tanto) chiedendomi cosa mi sto perdendo in questo preciso istante? Cosa sta succedendo nel mondo? Quante cose mi perdo stando qui dentro fra 4 mura???

Forse complice di tutto è il libro di Fabio Volo che sto leggendo da sabato e che mi ha completamente rapito, il libro è quello del box a fianco e a me sta emozionando da morire, mi mette allegria e mi fa pensare (lo so Prxt che non sarai d'accordo ma per una mente semplice come la mia questo libro è a dir poco fantastico....).
Tanti passaggi (alcuni dei quali riporterò perchè voglio condividerli con voi – pochi - che ancora mi leggete) mi stanno facendo riflettere su tante cose. Non che un libro possa minare le mie certezze però in effetti ci sono tanti spunti utili per fare delle riflessioni.

E voi che dite? Siete abitudinari? Vi chiedete mai cosa c'è al di là del vostro mondo, vi chiedete mai se non foste dove siete in questo momento cosa stareste facendo??? (santissimo sono arrivata indenne alla fine della frase fi fiu)

Credo che siano domande senza risposta.....come possiamo sapere cosa stiamo perdendo, nella vita si fanno delle scelte eppoi si vivono punto....però alle volte è anche bello viaggiare un po' con la mente.....(no no non ho preso allucinogeni, non oggi almeno ^__^).


13 commenti:

  1. ho letto questo libro ed anche io ne sono rimasta molto colpita...Fabio Volo spesso tocca delle corde che mi fanno riflettere...e lo adoro da sempre :) anche se magari nn è una lettura superimegnata...però mi da sempre tanti spunti per pensare e alla fine penso che sia questa la prerogativa per un buon libro :)
    Detto questo cara Merendina...avoglia se nn mi pongo queste domande tutti i santi giorni!!! dove sono? sto facendo la cosa giusta? come ci sono arrivata? quante cose mi scorrono a cento all ora davanti e nn riesco ad afferrarle? milioni e milioni di volte...fino a farmi venire il mal di testa :)
    Poi alla fine mi dico che sono esattamente dove voglio essere, con alti e bassi, con tutti gli ostacoli ed i casini del caso...ma se sono ancora qui...forse è perche era destino ce io ci stessi :) ed io sono moltooooo fatalista :)
    E' vero che durante la vita si perdono tante cose, momenti e persone, ma è anche vero che probaiblmente nel momento in cui le perdi stai cmq acuistando delle cose diverse...senza magari accorgersene, perchè a volte per l essere umano è più facile pesare a ciò che nn si ha piuttosto che a ciò che hai...
    Io solitamente sono abitudinaria...mi piacce vivere nelle mie certezze...mi fanno sentire protetta...ma ho imparato, da poco, anche a sperimentare molto...forse dopo il mio trasferimento (e li cambiamento è stato bello grosso e ci ho dovuto fare i conti per forza, con annesso e connesso esaurimento nervoso nn indifferente!!)...ho imparato a vedere le cose in modo diverso...ora mi butto di più...mi piace conoscere nuove cose, che prima nn avrei mai preso in considerazione, mi butto di più anche con le persone...insomma cerco anche di metterci qualche novità in mezzo alla mia routine...e devo dire che a volte nn mi dispiace affatto...altre ovvio che arrivano anche bastonate su bastonate!!! ma ci sta alla fine questo anche fa parte del mettersi sempre in gioco :)

    RispondiElimina
  2. Credo anch'io che si possa di un libro che è buono nel momento in cui ci porta ad aprire la mente a nuove riflessioni, o comunque quando ci emoziona. Sono contenta che anche a te sia piaciuto, quando metterò qualche frase mi piacerà leggere i tuoi commenti ^__^.
    Per il resto credo che tu abbia fatto davvero un grosso cambiamento da quello che ho potuto capire leggendoti e ti ammiro molto, io non so se avrei avuto il tuo stesso coraggio anche se....a ben pensarci, pure io spinta dall'amore per il Felino ho preso e sono andata, dopo talmente poco che stavamo insieme da fare un vero e proprio salto nel vuoto. Cambiamento non indifferente (pur non avendo dovuto cambiare lavoro almeno), da sola senza conoscere nessuno intorno, e non è stato facile all'inizio. Io sono contenta di quello che ho, non vivo di rimpianti, sono felice delle piccole cose di tutti i giorni perchè so che me le sono guadagnate e quelli che mi fanno vedere che per loro è tutto facile a mio parere sono poco credibili. Però come dici tu ci sono momenti in cui ci si chiede cosa ci sia al di fuori della finestra, basta pensare a quando sono a casa in un giorno di lavoro e vedo tante persone che si muovono negli orari in cui io solitamente sono seduta alla mia scrivania, non posso fare a meno di chiedermi qual è la loro vita, cosa farei io se non fossi tra queste 4 mura....mah....è un po' un cane che si morde la coda....però hai ragione....bisognerebbe che imparassi a qualche cambiamento ogni tanto....

    RispondiElimina
  3. Prima di andare a vivere con il mio fidanzato ci mettevo 5 minuti ad andare a lavoro..ora ne impiego 30 quindi in quella mezz’oretta anche io penso e ripenso a tantissime cose,a cosa ho perso per la strada,alle amicizie finite,alla famiglia, alle amiche che stanno andando avanti e che hanno un bambino o che si sposeranno a breve, a me che fino ad un anno e mezzo fa mi dicevo che non avrei concluso niente di che..invece tutto è cambiato..la mia vita in un anno e mezzo è davvero cambiata tantissimo,in meglio sicuro.
    Fabio Volo mi piace tantissimo,scrive bene ed i suoi libri li leggo sempre in due giorni!

    RispondiElimina
  4. ah scusami non avevo finito p che ho cliccato il tasto in fretta ;)
    io potessi essere fuori da queste 4 mura vorrei essere in giardino a prendere il sole visto che son cadaverica!! poi però so bene chje farei tutt'altro..lavatrici stirare...

    RispondiElimina
  5. per amore alla fine si fa tutto mere... ;) nn credo di avere fatto niente di speciale...anzi all inizio io questa convivenza l ho vissuta proprio come una cosa traumatica...nn è partita nel migliore dei modi, mettici che ho incassato la botta dell avere cambiato tutta la mia vita da un momento all altro, mettici che ero particolarmente fragile in quel periodo per via di problemi personali...è stato un delirio...ma per fortuna quando tocchi il fondo poi capisci sempre dove vuoi essere...ed io ho capito che era qui che volevo essere...la forza forse è stata quella alla fine dei conti!!!
    io penso che le riflessioni che fai sono assolutamente intelligenti, e sintomo di una mente aperta...felice e grata di cio che ha, ma che sa anche guadare fuori...e credo che sia molto importante questo...perchè solo guardando fuori a volte si può arricchiera il proprio essere...chi nn si fa mai domande e vive nella piu assoluta perfezione senza dubitare mai, per me, nn vive davvero...e tendo sempre a diffidare molto...

    RispondiElimina
  6. @viola: vabbè dai per stavolta ti perdono che hai schiacciato il tasto ma che non si ripeta più eh!!!! ahahahahaha dai sto scherzando!!! Anche tu hai fatto grandi cambiamenti in poco tempo, cambiamenti belli sicuramente, però ci vuole tempo per assorbirli comunque, per prendere nuove abitudini e nuovi ritmi. Anch'io forse fino a qualche tempo fa avrei detto che se fossi fuori da qua mi piacerebbe fare una cosa ma poi andrei dietro ai doveri ed ora invece ti dico che col cavolo....alle volte bisogna anche prendersi del tempo per i piaceri o no?? ora mi piacerebbe essere su un prato verde verde in montagna a respirare l'aria frizzantina!!! che sogno....

    RispondiElimina
  7. @Cene: grazie cara!!! E' bellissimo quello che mi hai detto....grazie grazie grazie!!!

    RispondiElimina
  8. Io tendo a rivedere il passato, gli accadimenti e i ricordi, piuttosto che cercare di immaginarmi in un altro posto, magari in un altro momento. Quello che mi capita di chiedermi è "Ma se io avessi proseguito gli studi, scienza delle comunicazioni con specializzasione editoria... ora lavorerei in questo posto di merda?!" "Se non avessi perdonato certi gravi errori, ora vivrei con Dr J?" si anche io mi pongo domande ma le risposte, aimè non le saprò mai!

    RispondiElimina
  9. Invece io non guardo molto alle scelte passate, nel senso che non ho particolari rimpianti, ora sono felice della vita che faccio e credo che tutto quello che ho passato mi abbia portato a quello che ho adesso. Eppoi acqua passata non macina più si dice per cui tendo più che altro a chiedermi nel presente cosa succede al di fuori delle mie abitudini, mi chiedo cosa potrei fare per il futuro ecco....

    RispondiElimina
  10. si infatti devo ancora abituarmi a tante nuove cose inerenti la convivenza in generale,al fatto di stare dietro alla casa.
    è vero dovrei anche io concedermi (quando è possibile)dei momenti di relax,tipo domenica scorsa son andata al parco con mia sorella,una cosa semplice ma è servita molto.
    credo anche io come cenerentolina che il fatto che tu stia facendo queste riflessioni è indice di mente aperta!! :)

    RispondiElimina
  11. Sono anch'io piuttosto restia ai cambiamenti, anche se poi mi adeguo altrettanto facilmente.
    Le tue domande me le pongo spesso anch'io, così come mi chiedo spesso come sarebbe stata la mia vita se avessi in passato fatto scelte diverse.
    Sono una contraddizione vivente, sempre alla ricerca di qualcosa che non so, ma nello stesso tempo radicata a quello che ho. buona giornata

    RispondiElimina
  12. io sono abitudinariA da un lato,nel senso di rituali che devono avvenire nello stesso ordine e dall'altra parte mi stufo subito e ho bisogno di aria fresca...

    RispondiElimina
  13. @Luna e Carrie: mi rendo conto che noi donne siamo complesse, se da un lato ci danno sicurezza le abitudini, dall'altro vogliamo sempre sbirciare al di là per vedere cosa c'è.....magari poi per tornare alle nostre care abitudini magari....ehhhh Donne....che bello esserlo però!!!

    RispondiElimina

E voi cosa ne dite?