Tiro alla fune

Ultimamente mi sento la fune!!!!
Sempre più spesso combattuta tra quello che avrei voglia di fare e quello che DEVO fare.
Che bella scoperta direte voi, come se gli altri non dovessero combattere tutti i giorni questa orrenda battaglia.
Si forse non è una scoperta ma bisogna dire che questa cosa mi sta pesando sempre di più.
Sarà che forse una volta riuscivo a barcamenarmi, soprattutto il dovere (nello specifico il mio lavoro) mi piaceva di più, mi appassionava, ci mettevo anima e cuore, perciò mi pesava relativamente sapere che fuori da qui ci sono un sacco di cose che mi sto perdendo.
E ora sembra che mi stia lamentando di un lavoro, io che per fortuna ce l'ho ecc ecc ecc......bè io sono stufa!
SI mi sto lamentando!!!! SI SI SI SI
Perchè ora avrei voglia di essere a casa mia a produrre, a far diventare realtà tutte quelle idee che ho per la testa. Perchè ho ricevuto la mia prima commissione vera, una borsa, da fare per lunedì e già mi rendo conto che è quasi impossibile che io ce la faccia visti i vari impegni e visto che, appunto, sono qui oggi pomeriggio. Per non parlare di ieri che c'è stato un black out durato tutto il pomeriggio e sono stata tre ore a pippare, finchè mi sono decisa e alle 17 sono andata a casa, rendendomi conto una volta di più di quanto io riesca a fare anche solo con un'ora in più (ho sfornato pure una torta). C'è un mondo di cose qua fuori, un mondo di cose che vorrei fare e non posso.
Eppoi ho questa sete di imparare imparare imparare, lo vedo ogni volta che qualcuno mi insegna qualcosa.
E sono sicura che molto dipenda dal fatto che qui dentro non sono più stimolata come una volta, non ho entusiasmo, e per me l'entusiasmo è il sale della vita.
Mi rendo conto di essere dentro ad un bozzo ed aspetto solo di scoppiare e diventare farfalla, devo trovare la falla del bozzo per uscire, capire COME fare perchè io così tutta la vita non è possibile che ci stia.
Che poi il colmo dei colmi è che non vorrei essere fuori da qui per stare su un'isola a farmi aria al fiocco....no.....perchè sono convinta che quasi lavorerei di più fuori da qui. Ed invece sto davanti a questo piccì, centellinando gli ordini in modo da non finire troppo presto chè sennò è lunga tirare sera.
Non è gran vita questa ve l'assicuro, lavorativamente parlando!!!

BUON WEEK-END!!!!!!!

17 commenti:

  1. Mi unisco al tuo post... è più o meno quello che provo io... un lavoro di cui mi interessa poco e troppe idee che vorrei realizzare... :-((
    soluzione cercasi!!!
    Un abbraccio!
    Roby

    RispondiElimina
  2. Tesoro, per me è lo stesso. Mi sento dentro al bozzolo esattamente come te. Mi sono stufata anche io di questa vita.. Ma io sono a casa. Ho la possibilità di fare quello che voglio, quello che più mi va. Ma fidati, non c'è nessuna soddisfazione... Vorrei sentirmi più utile per la famiglia. Vorrei avere un lavoretto per arrotondare e per non chiedere sempre a mio marito i soldi per comprarmi le cose che mi servono... non sai quanto è brutto doverlo fare. Non sai quant'è brutto non poter comprare un regalo a Lui, o doversi mettere i resti della spesa da parte x farglielo.
    Capisco che il tuo lavoro non sia soddisfacente... è brutto!!! Però ti dà la libertà di fare delle scelte... e non è poco.

    RispondiElimina
  3. @Cuccia: grazie perchè mi capisci, non è facile perchè sembra sempre che mi voglia lamentare ed invece dovrei ringraziare di avercelo un lavoro, io ringrazio ma non posso far finta che mi piaccia quello che faccio, come te avrei mille altre idee molto più soddisfacenti a livello personale, manca solo il coraggio di vedere se sono monetizzabili.....

    RispondiElimina
  4. @Gioia: vedi tesoro io mi sento una merda quando dico queste cose proprio nel rispetto di persone che come te un lavoro pagherebbero per avercelo. Anche perchè è logico che io sembri un'ingrata. Il fatto è che dubito di riuscire a spiegarmi bene. Io non ho MAI rinnegato il fatto che un lavoro mi serve, sennò cosa ci starei a fare qui? Mi serve per avere appunto quella libertà di cui parli tu. Ma prova a pensare se a te, che tanto desideri un lavoro, ti mettessero a piegare lo stesso pezzo di carta 8 ore al giorno....certo ti sentiresti libera e potresti comprare quanti regali vuoi al tuo uomo ma come ti sentiresti a fine giornata? Realizzata? Non basta a volte lavorare per stare bene, aiuta a tirare la carretta ma lavorare per lo stipendio non è cosa. Il punto è che non è che io NON VORREI lavorare ma bensì che vorrei fare altro, avere la possibilità di provare a stare a casa e vedere se riesco a far moneta con quello che so fare con le mani....tu per esempio che sei così brava e che ora come ora tempo di fare ce l'hai perchè non provi a vendere le tue creazioni? Hai la possibilità nelle tue mani di essere mooooolto più libera di me che sto tra queste 4 mura!!!

    RispondiElimina
  5. ti credo che non è una gran vita. Ti logora, ti sfibra, ti intristisce...
    è brutto quando hai tanto da fare, ma anche quando ti rigiri i pollici...lo so.
    Dai, pensa alla borsa :-) al weekend, ai progetti...
    Un abbraccio e buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  6. @Sposa: grazie tesoro!!! Tu non hai idea di quanta soddisfazione sia avere la mia prima "cliente" ti giuro che erano anni che non sentivo una scarica di adrenalina del genere a livello lavorativo....per questo spesso mi chiedo dove cavolo sto andando e mi sembra di stare sprecando il mio tempo prezioso....

    RispondiElimina
  7. Infatti è quello che voglio fare.. Vendere i miei lavori, anche se non è x niente facile. Cmq so che il lavoro non sempre gratifica, anzi... Però con le mie parole, intendevo che a lungo andare, neanche fare le cose che vogliamo ci gratifica.. Abbiamo sempre voglia di fare cose nuove e di cambiare aria ogni tanto.. Chi in un modo o chi nel'altro.
    Ma purtroppo, difficilmente la vita ci mette in condizione di fare quello che vorremmo. Per cui dobbiamo vedere i lati positivi di ogni cosa...
    Un abbraccione!!!

    P.S. Da me ti aspetta un premio e un give away...

    RispondiElimina
  8. @Gioia: quello che dici è vero.....credo che a lungo andare tutto stanca, forse sono solo stanca dopo 11 anni passati qui dentro, dove mi hanno tolto ogni entusiasmo per quello che faccio....forse avrei solo bisogno di cambiare aria per un po'.....corro subito a vedere oh mamma che emozione!!!!!

    RispondiElimina
  9. Immagino la tua stanchezza... E ti capisco perchè anche io ho fatto per tanti anni un lavoro massacrante e ingrato.. Ma noi siamo forti tesoro!!! ;)

    RispondiElimina
  10. Buon weekend anche a te...Cerca di riossigenarti...

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. E' vero che, di questi tempi, avere un lavoro è qualcosa di raro. Però, se si ha un lavoro ma si fa con entusiasmo pari a zero, o quasi, non è una gran cosa.
    Hai ragione a lamentarti...
    Posso capirti.
    Io amo da pazzi il mio lavoro, eppure non avendo il giusto riscontro economico, spesso, mi ritrovo a dire che avrei fatto meglio a scegliere altre strade...

    RispondiElimina
  13. beh ti capisco. Per me ora la situazione è un pò migliorata perchè mi ritrovo con parecchio da fare in ufficio, ma se si pensa a quante cose si potrebbero fare fuori da qui, viene da piangere. E ci vogliono far lavorare fino a quasi 70 anni??
    Un lavoro è sempre una gran fortuna, ma dovrebbe essere anche un qualcosa che ci dà soddisfazione e non ci fa rimpiangere il tempo che si "perde"

    RispondiElimina
  14. @Gioia: eccerto che siamo forti ^__^

    RispondiElimina
  15. @Mafalda: hai centrato perfettamente il punto, quando si è soddisfatti del lavoro che si fa non ci frega nulla di quello che ci stiamo perdendo, ieri mentre creavo non mi sono neanche accorta che fuori era calata la sera da quanto concentrata e dalla passione che ci stavo mettendo, cosa che mi manca qua dentro!!!!

    RispondiElimina
  16. @Luna: proprio così Luna, quando poi le cose da fare sono poche ti immagini quanta rabbia!!!!!

    RispondiElimina

E voi cosa ne dite?